Be-Wizard 2015: Il Web Marketing trionfa a Rimini, la parola passa alle persone mentre l’esperienza turistica è sempre più digitale

Be Wizard 2015 Rimini

Il 20 e il 21 marzo si è svolta a Rimini la settima edizione del Be-Wizard, l’evento di respiro internazionale più importante in Italia, dedicato al Web Marketing. Anche quest’anno Digital Marketing Turistico era presente con me come inviata ufficiale. Posso, quindi, confermare il grandissimo successo ottenuto dall’impeccabile organizzazione e dai contenuti di altissima qualità presentati dagli oltre 75 ospiti ed esperti di Web Marketing a livello mondiale.

“Non chiamateli utenti, chiamateli persone. Non chiamatela comunicazione, chiamatela conversazione”

Be Wizard 2015

Sono le parole con le quali Paolo Zanzottera, Digital Evangelist, ha inaugurato la manifestazione, introducendo il concetto di Human to Human e rompendo il ghiaccio con il grande pubblico presente nella sala anfiteatro del Palacongressi di Rimini.

Successivamente, Paolo Zanzottera ha passato la parola all’ospite internazionale più atteso del Be-Wizard, Bryan Kramer, tra i 25 top influencer secondo Forbes, che ha attirato l’attenzione di tutti in maniera molto semplice, ha scattato un selfie di gruppo con il pubblico e l’ha tweettato in diretta. Raccontava i pilastri della sua teoria e tweettava, ci seguiva online e contemporaneamente coinvolgeva offline. Mi ha personalmente aggiunta tra i suoi contatti di Twitter e la sera, durante la festa all’Embassy di Rimini, raccontato che questa è stata la sua prima volta in Italia. Ebbene si, Kramer è rimasto affascinato dalla nostra terra al punto di pensare di acquistare qui una casa. Anche un’affermazione informale come questa potrebbe essere la dimostrazione che è proprio il turismo il vero motore della ripresa commerciale in Italia.

Bryan Kramer

Ma torniamo all’intervento di Kramer, perché la sua teoria è così sensazionale e vincente?
Perché si basa sulla semplicità, sull’empatia e sulle nostre emozioni, abbiamo la necessità di condividere momenti veri, magari imperfetti ma sinceri. Le aziende non trasmettono delle emozioni gli esseri umani si, raccontiamole. Impariamo ad ascoltare, siamo diventati troppo silenzioni, impariamo a scrivere delle storie non dei testi perchè l’obiettivo è quello di umanizzare la conversazione digitale attraverso le vicissitudini della vita reale.

Soffiato

La sera, durante la festa organizzata in occasione del Be-Wizard, abbiamo tutti inconsciamente condiviso il suo pensiero. Organizzatori, relatori, ospiti e partecipanti hanno scaricato le tensioni e si sono lasciati andare davanti ad un ricco buffet, con un selfie di gruppo, un drink, trascinare dall’ottima musica scelta dal dj o dalle chiacchiere più naturali e spontanee.
Ad un certo punto non sapevo più chi mi trovavo davanti, fortunatamente dopo le presentazioni ufficiali e quelle post conoscenza digitale condividevo il tavolo, le risate, e il mio divertimento con tutti. Un confronto, uno scambio d’opinioni informale che lascia in me impresso un bellissimo ricordo.

Claudio Gagliardini

Il Be-Wizard, quest’anno, ha offerto un duplice evento formativo perchè dal pomeriggio del primo giorno al termine della manifestazione si è suddiviso in due specifiche sessioni, una interamente dedicato al Business, un altro verticale sul turismo.
Io, molto incuriosita, ho cercato di seguire entrambe le sessioni, ho scelto, secondo il mio punto di vista, gli interventi più interessanti, tra i quali quello di Giorgio Soffiato dal titolo Digital Budgeting e Web Marketing ROI nel turismo, quello del grande Claudio Gagliardini, Social Media Marketing Territoriale, una questione di collaborazione e condivisione ed infine, ad opera di Leonardo Prati, Idee Offline per vincere la sfida Online.

Leonardo Prati

Tra i relatori ha partecipato all’interno dell’evento Welcoming Cities, l’amico ed esperto di Web Marketing Turistico, Luca Bove con un intervento dal titolo “Google Maps per l’accoglienza turistica“, un argomento trattato e approfondito anche all’interno del libro dedicato al Web Marketing Turistico.

Infine, confermo che è stata un’esperienza sensazionale, due giorni ricchi di contenuti interessanti e di valore che hanno alimentato la mia passione per il Marketing Digitale e permesso di approfondire la materia. Spunti, strategie, idee fresche e innovative oltre una splendida occasione per conoscere, salutare e scambiare opinioni con colleghi e amici digitali provenienti da tutta Italia in una location impeccabile.

Si vocifera che l’edizione 2016 sarà ancor più superlativa!

 

Articolo di Roberta Pinna.




I più letti